Sunday, 25 January 2009

Where did the week go?

Somehow it's Sunday night, and a whole week has gone by without me quite noticing - which I guess is a good thing, overall?

And yet things have happened this week - the big one of course being the inauguration, which we got to watch at work on big screens in hushed, darkened silence. It was an interesting experience - this communal watching I mean. Mostly pleasant and moving, at times a little scarily overenthusiastic. Generally though it's exciting, despite the oath fumblings, it's pleasing, it makes me happier about living here right now. I might even end up doing some grassroots campaigning things...

On a more prosaic level, last time I wrote I mentioned the beginning of such exciting pursuits as cardiokickboxing and knitting. Sadly the former is not to be - the class is not happening, but there are other things going on at the YMCA that I can delight myself with. One of these is Aqua Fitness, which I innocently thought would be like the fun classes Sandra and I went to in Oxford - messing about with foam tubes, the instructor singing, general fun and games. Nope. This is hard work!! It's basically circuits in the water - with a particular focus on weights. The instructor, Lisa, is really awesome and slightly hyper, and she is in the water with us, doing all the hard work, which is nice in a way - we all suffer together. Because we do suffer!! But I suppose no pain, no gain? And it gets me out of the house, and I get to socialise with nice people for an hour or so, so...I'll try to stick at it.

The knitting is happening, slowly but surely - I can see that is actually rather addictive...and it is nice to have something to do, especially while watching DVDs and the like (and given the amount of West Wing I'm watching at the moment....). So far the fruits of my labour are rather wonky and irregular, but practice makes perfect...

Today I had the pleasure of cooking for people again - my uncle & cousin & fiance' (her fiance', not mine. Don't be alarmed) came over to see the flat and bring me a TV. It was nice to have guests, and cook for more than one person (I mean, I normally cook for more than one person, but only in the sense that I make more than one portion when I cook). And I surprised myself by how good everything turned out, I have to say! So all in all, rather pleasing.

And so tomorrow another week starts. With a bit of luck, it will whizz by like this one, and then the week after that I have a visitor from the UK - definitely something to look forward to :-) (apologies for the slightly schmaltziness!)

- In italiano

Hum, non so come ma e' domenica sera, e' passata un'intera settimana senza che io me ne sia accorta - il che forse e' una buona cosa...

Non che non sia successo niente durante la settimana - il grande evento ovviamente e' stata l'inaugurazione, che abbiamo visto al lavoro sul grandi schermi in silenzio rispettoso. E' stata un'esperienza interessante, questa visione comunale. Perlopiu' piacevole e toccante, qualche volta un po' troppo iperentusiasta. In generale pero' e' emozionante, nonostante l'incespicare col giuramento, e' bello, e vivere qui ora e' un po' piu' bello. Forse mi metto pure a fare la volontaria per le organizzazioni locali...

Scendendo di livello, l'ultima volta che ho scritto avevo parlato dell'inizio di attivita' eccitatnti quali cardiokickboxing e il lavoro a maglia. Purtroppo la prima cosa non e' avvenuta - hanno cancellato il corso, ma ci sono altre classi che posso seguire se voglio. Una di queste e' Aqua Fitness, che io innocentemente credevo sarebbe stata come le classi divertenti che seguivamo io e Sandra a Oxford - pazziare con tubi di spugna, l'istruttrice che cantava, pariamento generale. No. Qua si fatica sul serio! Esercizi vari, particolarmente con i pesi. L'istruttrice, Lisa, e' molto simpatica e un po' iperattiva, ed e' in acqua con noi, faticando con noi, che in un certo sense e' bello - soffriamo tutti insieme. Perche' si soffre! Almeno mi da' un motivo per uscire di casa, e socializzare con persone simpatiche per un'oretta, quindi...cerchero' di andare regolarmente.

Il lavoro a maglia sta accadendo, piano piano...vedo come puo' dare dipendenza! Ed e' piacevole avere qualcosa da fare, soprattutto mentre guardo DVD (e visto quanti episodi di West Wing sto consumando...). Finora il frutto del mio lavoro e' un po' storto e irregolare, ma con un po' di pratica...

Oggi ho finalmente di nuovo avuto il piacere di cucinare per altre persone - mio zio, mia cugina, e il fidanzato sono venuti a vedere la casa e portarmi un televisore. E' stato bello avere ospiti, e cucinare per piu di una persona (cioe', normalmente cucino quasi sempre per piu di una persona, ma solo nel senso che faccio piu di una porzione quando cucino). E devo dire che io stessa sono rimasta sorpresa da quanto tutto sia venuto buono! Quindi nel complesso piuttosto soddisfacente.

E cosi' domani comincia un'altra settimana. Con un po' di fortuna, volera' come questa, e poi la settimana dopo ho un ospite dall'Inghilterra - decisamente non vedo l'ora :-) (chiedo scusa per la lieve sdolcinatezza!)

Monday, 19 January 2009


[Rather long post - sorry! Italiano segue, come al solito]

On Skype to D the other day, she said that I sounded so different from when we last spoke, before the Christmas break - a lot livelier and happier. And I think she's right, you know - I do feel like things are coming together on various fronts and I'm more inclined to make the best of the situation.

It helps of course that this has been a particularly pleasant week, for reasons big and small. Starting from the most recent, yesterday I had a lovely day out with Ranj who is over here for a conference, and his friend Pablo (who I had somehow never managed to meet, but is awesome! And a curator at the Frick! Trust Ranj to be always well-connected :-) ). We met uptown to go to the Cloisters (Sam, have you been? Made me think of you) which were (was?) beautiful...I had gone with my parents the very first time we came to NYC, but I was 7 then and understandably have very vague memories only - much better this time round. We also had a rather nice and fancy lunch, and admired the ice floes on the Hudson. You can see them too - one is here

And a couple of others are on my Flickr stream. Most impressive. Seeing Ranj was great and made me only a little bit wistful and home/Oxfordsick.

The week had also started in a good way, as the previous weekend I was in Philadelphia overnight to see my cousin who was there for a conference (yes, conferences seem to be a recurring theme here!). It was good to see her, and fun being around studenty people again, and I think it really set me up for the rest of the week.

Another recurring theme of the week was Girl Scouts - I loaded up on Girl Scout cookies because I am greedy, and because I love them so, and hadn't had any in years and years and years. It made me unduly excited, even if they have changed the names of most cookies. I also contacted the local troop coordinator to see if I can go and help out at meetings or something, and she seemed cautiously optimistic, so that is good news! I would like to have something to do that isn't work, and I did love being a Girl Scout (skeletons in the closet? So far everyone has expressed surprise at my Girl Scout past, do I really come across as so useless? I camped in forests, I will have you know!), so hopefully this will work out - I think it would be awesome. And fill me with melodramatic nostalgia.

Work has also suddenly taken off, or come together, or some such phrasal verb. After much soul- and brain-searching and vagueness, I finally have a good idea of what I'm doing - and even wrote a conference abstract to prove it! It seems silly, but it really helped - even though most of it is promissory (the conference isn't til July anyway), I found it really helped give me a sense of direction and a structure to the work I have to do over the next few months. For those who care about such things, most of my research at the moment is focusing on speech acts in emails - mildly ironic given I've always hated teaching speech act theory, but there you go...

The other thing that really gave a boost to my work was a great meeting with our VP of research, who is a really inspirational and awesome woman. She helped me see where my work can fit into the bigger picture of research done here, which is something that had more than occasionally eluded me, and her enthusiasm for it, and for my ideas, rekindled mine and reminded me why I really wanted to come and work here and why I care about the things I work on.

As well as all these exciting news, lots of other little things have been keeping me busy, and cheerful. I am bingeing on The West Wing, since Nick had the complete set sent here as a surprise back-to-Princeton present (a much, much appreciated one). I joined the gym and will start going to classes tomorrow - stay tuned for my adventures in the world of cardio kickboxing *dangerous grin* Sam sent me some pretty wool so now I have no excuse not to start knitting like all the cool girls do, and having bought needles I am now ready to learn! AND I've made enquiries into driving and driving schools, I can't take any lessons until I do the theory exam (which varies from state to state), so now I am looking at the test materials for that - as you can see I am serious about this driving malarkey!

And to round all this chirpiness off, tomorrow we get to watch the inauguration at work...Calloo, callay, oh frabjous day, etc. - I am so, so excited about this!!


L'altro giorno ero su Skype con un'amica, che ha notato che la mia voce sembrava diversa dall'ultima volta che ci siamo sentite, prima delle vacanze di Natale - molto piu' vivace e pimpante. E credo che abbia ragione - mi sento come se tutto stia ingranando adesso, su tutti i fronti, e sono piu intenzionata a cercare il meglio in questa situazione.

Certo aiuta che questa e' stata una settimana particolarmente piacevole, per tanti motivi grandi e piccoli. A cominciare dal piu' recente, ieri ho passato una bella giornata con il mio amico Ranjan (oxoniano) che e' qui per una conferenza, e il suo amico Pablo (anche lui checazzissimo, e fa il curatore al museo Frick a New York!). Insieme siamo andati ai Cloisters che sono ero stata con i miei genitori la prima volta che visitammo NY, ma avevo 7 anni all'epoca e ne avevo soltanto vaghi ricordi - molto meglio questa volta! Abbiamo pranzato in un posto piuttosto chic, e ammirato il ghiaccio che galleggiava sull'Hudson - cf. la foto piu' su, e qualche altra sulla mia pagina di Flickr. Vedere Ranjan mi ha fatto troppo piacere e mi ha reso solo un pochino nostalgica e melanconica.

La settimana era gia' iniziata bene, perche' il weekend precedente ero a Philadelphia per vedere mia cugina che era li' per una conferenza (si', le conferenze sembrano esssere un elemento ricorrente qui!). E' stato bello vedersi, e mi sono divertita a essere di nuovo in un ambiente studentesco, e mi ha messo nell'umore giusto per il resto della settimana.

Un altro elemento ricorrente della settimana sono le Girl Scout - ho fatto scorta di biscotti delle Girl Scout perche' sono ingorda, e perche' li adoro, e non li mangiavo da secoli! Veramente mi sono esaltata molto, anche se hanno cambiato quasi tutti i nomi. Ho anche contattato la coordinatrice delle truppe locali per vedere se posso andare a dare una mano alle loro riunioni, e lei ha espresso un cauto interesse, il che e' una buona notizia! Mi piacerebbe fare qualcosa che non sia lavoro, e mi piaceva tanto fare la Girl Scout, quindi spero che si riesca ad organizzare qualcosa - sarebbe bellissimo. E mi riempirebbe di nostalgia melodrammatica.

Anche al lavoro improvvisamente tutto si sta apparando. Dopo molti dubbi e vaghezza, finalmente ho un'idea chiara di quello che sto facendo - e ho anche scritto un abstract per una conferenza per dimostrarlo! Sembra stupido, ma aiuta davvero - anche se per la maggior parte promette di fare le varie cose (tanto la conferenze e' a luglio), mi ha davvero aiutato a trovare una direzione e una struttura per il lavoro che dovro' fare nei prossimi mesi.

L'altra cosa che mi ha davvero lanciato sul lavoro e' stato un bell'incontro con la nostra VP per la ricerca, che e' una donna fantastica, che ispira sul serio. Mi ha aiutata a vedere come il mio lavoro si inserisce nel quadro generale della ricerca che si fa qui, che e' una cosa che mi era sfuggita piu' di una volta, e il suo entusiasmo per questo lavoro, e per le mie idee, ha riacceso il mio e mi ha ricordato perche' ci tenevo a lavorare qui e perche' per me sono importanti le cose su cui lavoro.

Oltre a tutte queste notizie eccitanti, ci sono tante altre piccole cose che mi stanno tenendo impegnata, nonche' allegra. Sto facendo una scorpacciata di The West Wing, perche' Nick mi ha fatto trovare il set completo qui come regalo/sorpresa di bentornata-a-Princeton (regalo molto molto apprezzato!). Mi sono iscritta in palestra e domani comincio a seguire un corso - prossimamente potro' raccontare delle mie avventure nel mondo del cardio-kickboxing *sorriso malefico* La mia amica Sam mi ha mandato della bella lana e ora non ho scuse per non cominciare a lavorare a maglia, ho comprato anche i ferri e sono pronta per imparare! E POI ho anche preso informazioni presso le scuole guida, non posso fare lezioni finche' non ho passato l'esame di teoria (che e' diverso da stato a stato), quindi adesso sto guardando i materiali per il test - come vedete sto prendendo questa cosa della guida seriamente!

E per finire tutta questa allegria, domani al lavoro possiamo seguire l'inaugurazione...urra'! Sono troppo troppo eccitata per questo evento!!

Saturday, 17 January 2009

Quick link 2

This [Guardian Family] seems rather appropriate given the name of this blog...

Normal posting to resume soon.

Wednesday, 14 January 2009

Quick link

This blog, found via twitter (I think).

I will stop complaining.

Sunday, 11 January 2009

The return of the emigrant, Part III: The ugly

Part I - Part II

Testo italiano in fondo

Well, things got really ugly once I actually landed at the airport. I feel rather wary writing this post - maybe I'm being paranoid, but I'm over-conscious of writing anything about my employer, or my experience at the airport, which could be misconstrued or somehow used against me. I can always email you more details if you really want!

At passport control, I was asked by the security officer to follow him to the little room, where I was ushered in with my papers in a file labelled 'code red'. No information was given me as to the reason for this, nor was I told anything for the next half hour or so I was there. This, I assure you, was Not Fun. In fact, it was pretty horrible - I felt very confused and powerless (compounded by the jet lag of course, and the fact that I'd been awake for far too many hours at that point), it's really very unpleasant not to know what's going on, apart from the fact that one possible outcome of the situation is being denied entry into the country.

I would like to say I was cool and calm and collected and stoical. I was not. I was petrified. I just about exerted myself enough to prevent myself from crying - which I was on the verge of doing, just out of frustration and fear - and also hyperventilating and having a panic attack - because I thought this would not really help my case.

Eventually the problem emerged: my employer was supposed to update my visa records to confirm that I had started work there in October, and they hadn't done so, so this mismatch had triggered the alert. Once I knew what the problem was I felt a lot, lot better - I mean, I felt boiling rage towards their incompetence, but at least it was an objective problem with a simple solution - unlike, say, the guy sat next to me who had a similar name to someone on the FBI watchlist and had no idea how things were going to pan out for him.

Luckily, luckily, luckily this all happened in the early afternoon on a weekday - so it was trivial for the immigration officer to phone the relevant person at my place of employment and get the necessary go ahead from him. In fact, I will even go out on a limb here and say that the particular officer who was dealing with me was rather human, and not scary or aggressive - and actually when he understood the problem, he was even sympathetic towards my case and agreed that I had been somewhat ill-treated by said employer.

So the whole thing took just under an hour, and I was let go - rather badly shaken up, especially as I thought about what could have happened had it not been 3 o'clock on a Monday afternoon, but, say, Sunday evening. I had a simple problem, and a well-known employer, and am a European citizen, and I speak and understand English well. And I was, quite frankly, sh*****g myself - pardon the expression. I cannot begin to imagine what it feels like for people for whom these conditions do not hold. I hasten to add that I'm sure that similar nerve-wracking situations occur across the world, not just here - but that doesn't make them any more justifiable or less unsettling.

We live in a scary world.

But don't let that put you off visiting me!

Dunque, le cose sono diventate davvero brutte una volta atterrata all'aeroporto. Esito un po' a scrivere questo post - forse sono paranoica, ma sono iper-sensibile quando si tratta di scrivere del mio datore di lavoro, o dell'esperienza all'aeroporto, come se potesse essere misinterpretata o in qualche modo usata contro di me. Se poi volete altri dettagli posso sempre fornirli via email!

Al controllo passaporti, la guardia mi chiede di seguirlo nella stanzetta, dove mi porta con le mie carte messe nella cartellina da 'codice rosso'. Non mi danno nessuna spiegazione per questo, ne' mi dicono niente per la prima mezz'ora circa che ero li. Questo, vi assicuro, non e' per niente divertente. Anzi, diciamo pure che e' stato abbastanza orribile - mi sentivo molto confusa e impotente (aggravato anche dal jet lag, e dal fatto che a quel punto ero sveglia da fin troppe ore), e' veramente molto brutto non sapere cosa stia succedendo, e sapere solo che uno dei possibili esiti della situazione e' essere rifiutata l'ingresso nel paese.

Mi piacerebbe poter dire che ero calma e tranquilla e stoica. Ma non lo ero. Ero terrorizzata. Sono giusto riuscita a sforzarmi di non piangere - ero sull'orlo delle lacrime per la frustrazione e la paura - e anche di non iperventilare e avere un attacco di panico - perche' ho pensato che questo non avrebbe molto giovato alla situazione.

Alla fine e' emerso il problema: il mio datore di lavoro avrebbe dovuto aggiornare i dati relativi al mio visto per confermare che avevo cominciato a lavorare la' ad Ottobre, ma non l'aveva fatto, e questa discrepanza ha fatto scattare l'allarme. Una volta capito il problema mi sono sentita molto, molto meglio - a parte l'ira funesta nei confronti della loro incompetenza, almeno era un problema obiettivo con una soluzione semplice - a differenza, per esempio, del tipo seduto accanto a me che aveva un nome simile a quello di una lista dei sospettati dell'FBI e non aveva idea di come si sarebbe risolta la sua situazione.

Per fortuna, per fortuna, per fortuna tutto cio' e' accaduto nel primo pomeriggio in un giorno lavorativo - quindi e' stato banale per la guardia telefonare la persona adatta al mio posto di lavoro e avere il via libera da lui. Anzi, voglio esagerare e dire pure che questo particolare ufficiale che ha gestito la mia pratica era abbastanza umano, e non aggressivo ne' spaventoso - e addirittura quando ha capito il problema, era pure solidale con me e d'accordo nel concludere che il mio datore di lavoro mi aveva combinato un bel casino.

Il tutto e' durato poco meno di un'ora, e poi mi hanno lasciato andare - piuttosto traumatizzata, soprattutto al pensiero di quello che sarebbe potuto succedere se non fossero state le tre del pomeriggio di un lunedi ma, per esempio, domenica sera. Io avevo un problema semplice, e un datore di lavoro conosciuto, e sono una cittadina europea, e parlo e capisco bene l'inglese. E, sinceramente, mi stavo c******o sotto, scusate l'espressione. Non posso neanche cominciare a immaginare come si sentano quelli per qui queste condizioni non valgono. Mi affretto ad aggiungere che sono sicura che simili situazioni angoscianti succedono in tutto il mondo, non solo qui - ma questo non le giustifica ne' le rende meno spiacevoli.

We live in a scary world.

Ma questo non vi deve far passare la voglia di venirmi a trovare!

Friday, 9 January 2009

The return of the emigrant, Part II: The Bad

Part I - Part III

So, I was saying in the previous post how pleased I was at having been upgraded. Unfortunately the exhilaration of said upgrade was slightly marred by my upsetting my neighbour's glass of water onto the table where he had his laptop...which subsequently refused to turn on. Eeeeek!! I was absolutely, totally, mortified by this - but he, being English, was extremely polite about it all and said it was a company laptop anyway. Still, I felt quite responsible (though something could be said about the wisdom of perching a full glass of water on the armrest of a plane seat next to a laptop...) and I left him my contact details should things get ugly. Nick noted that this could have been the beginning of a wonderful love story, especially if I lived in a bad chick-flick world, but I think we are safe from that :-)
In any case, I haven't heard from him or his employer yet, so maybe we are safe.

As I mentioned in the previous post, I was sad to leave home again as this place still feels so temporary and transient; but I think this is more a fault of mine than of the place, since I have made so little effort to create any sort of life for myself which does not revolve around sitting at home with my laptop. Things Will Be Different from now on, yes they will.

Really, other than this, and my usual stomach problems which interfered a bit with New Year's Eve dinner, I can't think of any other bad things to report. But stay tuned for Part III - now that was not fun at all.

Dunque, dicevo nel post precedente di com'ero contenta dell'upgrade ricevuto in aereo. Purtroppo la gioia di detto upgrade e' stata alquanto rovinata dal fatto che ho rovesciato il bicchiere d'acqua del mio vicino sul tavolino, sul quale c'era il suo laptop...che dopo questo incidente si e' rifiutato di accendersi. Argh!! Ero troppo, troppo mortificata - ma lui, essendo inglese, e' stato estremamente gentile e ha detto che tanto era un laptop dell'ufficio. Ma io comunque mi sono sentita molto responsabile (anche se si potrebbe dire qualcosa in merito alla saggezza di appoggiare un bicchiere pieno d'acqua sul bracciolo di un seggiolino dell'aereo accanto a un laptop...) e gli ho lasciato il mio recapito se le cose dovessero prendere una brutta piega. Nick ha osservato che questo sarebbe potuto essere l'inizio di una bellissima storia d'amore, soprattutto se io vivessi nel mondo dei pessimi film romantici, ma credo di non correre questo rischio :-)
Comunque, non ho ancora avuto notizie da lui o dal suo datore di lavoro, quindi forse sono salva.

Come detto nel post precedente, ero triste di lasciare di nuovo casa perche' questo posto mi sa ancora di temporaneo e transitorio; ma credo che questo sia piu' che altro colpa mia, perche' non mi sono tanto sforzata a crearmi una qualunque vita per me qui che non ruoti intorno allo stare a casa col computer. Ma quest'anno sara' diverso, sul serio.

Davvero, a parte questo, e i miei soliti problemi di stomaco che hanno interferito un po' con il cenone di Capodanno, non mi vengono in mente altre cose negative da riportare. Ma vedrete in Part III - un'esperienza che davvero non e' stata per niente divertente.

Wednesday, 7 January 2009

The return of the emigrant, Part I: The Good

[versione in Italiano in fondo]

Part II - Part III

...aaand we're back! And it really feels like I have been on vacation! For the first time since I was, like, 6 years old I didn't do any work over the Christmas break, and didn't feel guilty about it. Time will tell whether or not this has been a good idea - but I definitely liked it! I didn't see my friends quite as often as I would have liked - partly through my own laziness - but what I saw, I enjoyed.

I also managed somehow to pack in a large number of exhibitions, mostly with Nick: one on Herculaneum (which had among other things some very cute bronze statues of a pig and some deer), one showing dinosaur fossils (you can never go wrong with dinosaurs, even though it was a bit overrun with hyper children), and a wonderful one on the Etruscans (check out the awesome Gorgon and other items here).

Another great thing I saw was Emir Kusturica's documentary on Maradona, which came out in May of 2008. Sadly I only watched a little over half of the whole thing, but it was awesome - sure, Kusturica can get a bit pompous at times, and one suspects that it's just one big excuse for him to kick a ball about with Diego, but it was also very very compelling and there is something so incredible about the whole phenomenon. Highly recommended.

Lest this all sounds too pretentious, let me add that my dad's cooking was as stellar as ever, too. Also, on the flight back from London to NYC I had the pleasant surprise of being upgraded by BA to 'premium economy' - how kind of them, after only nine years of almost loyal custom...Anyway, the main differences were that the seats were a bit wider, and comfier, and the headphones nicer and noise-cancelling - though I suspect these are all rather more appreciated on overnight flights, which mine wasn't.

I confess that the idea of leaving Europe again brought me to floods of tears, but I have so much to do at work, and so much that I want to do outside work, that I'm hoping I will quickly start feeling settled again and with a vague sense of feeling 'at home'. If not...well, there are plenty of visits from friends to look forward to, and a blitz of mind to England in March...

Coming up: Parts II & III.

Eccoci di nuovo qua! E mi sembra davvero di essere stata in vacanza. Per la prima volta da quando avevo tipo 6 anni non ho lavorato o studiato per nulla durante le vacanze di Natale, e senza l'ombra di un senso di colpa. Staremo a vedere se questa sia stata o no una buona idea - ma di certo mi e' piaciuto! Non sono riuscita a vedere i miei amici tanto quanto avrei voluto - in parte per pigrizia mia - ma quando ci siamo visti, mi sono divertita.

Sono invece riuscita in qualche modo a vedere un bel po' di mostre, perlopiu' con Nick: quella su Ercolano al Museo Archeologico (che aveva tra le altre cose delle statue di bronzo molto carine di maialini e cerbiatti), i dinosauri alla Citta' della Scienza (non si sbaglia mai con i dinosauri, anche se c'erano un po' troppi bambini ipereccitati!), e una bellissima sugli Etruschi a Roma (fantastica, tra le altre cose, la Gorgone che si puo' vedere qui).

Un'altra cosa fantastica che ho visto e' stato il documentario su Maradona di Emir Kusturica, che e' uscito a maggio del 2008. Purtroppo ne ho visto solo poco piu' della meta', ma era davvero eccezionale -anche se Kusturica se la tira un po' a volte, e viene il sospetto che sia solo una scusa per palleggiare con Diego, e' davvero molto affascinante e c'e' qualcosa di incredibile nel fenomeno di massa. Molto raccomandato!

Giusto per scendere di tono, aggiungo che mio padre ha cucinato impeccabilmente come al solito. Inoltre, di ritorno da Londra a NYC ho avuto la piacevole sorpresa di essere spostata dalla British di una classe, in 'premium economy' - troppo buoni, dopo solo 9 anni da cliente quasi fedele...Comunque, le differenze principali sono che i posti sono un po' piu' larghi, e comodi, e le cuffie piu' belle e isolanti - ma credo che tutto cio' abbia piu impatto quando si vola di notte.

Confesso che l'idea di lasciare di nuovo l'Europa mi ha portato a un fiume di lacrime, ma ho tanto da fare al lavoro, e tanto che voglio fare fuori dal lavoro, che spero che presto mi sentiro' di nuovo sistemata e con un senso di essere almeno un po' 'a casa'. Senno'...beh, ci sono molte visite di amici nei mesi a venire, e un mio blitz inglese a marzo...

Prossimamente: Parts II & III.